Articoli e Approfondimenti

Alle radici umane dell’approccio strategico: Paul Watzlawick e Heinz von Foerster visti da vicino

Ho incontrato di persona Paul Watzlawick un giorno di luglio del lontano 2002. Prima lo avevo conosciuto nelle conferenze, dai libri, ma non ero mai riuscito a stringergli la mano. Nel luglio del 2002 a S. Francisco, California, era stata convocata la conferenza internazionale “On The Shoulders of Giants” (Sulle Spalle dei Giganti) convocata proprio per onorare i grandi della terapia strategica o la loro memoria: Watzlawick, von Foerster, Weakland… Ero riuscito a prenotare un albergo proprio a fianco alla sede della conferenza. Per accedervi mi bastava attraversare una piccola strada. Ma alcuni giorni prima ho voluto andare a visitare il “Mental Research Institute” a Palo Alto. Arrivato alla sede ho dovuto inventarmi una scusa per entrarvi… continua →


Integrated Diagnoses for an Integrated
Treatment in a Suicide Attempt: A Case
Report

Several authors agree that Diagnostic and Statistical Manual for Mental Disorders (DSM) is not appropriate to define a psychiatric diagnosis, with negative implications in research and treatment. Operative diagnosis is a strategic construct, it can be functional, complementary and coexist next to the DSM dictated descriptive diagnosis.
While the latest ones can be used as a guide in emergency and during psychiatric hospitalization, especially to decidean adequate pharmacological treatment, the operative diagnosis can vice versa be useful to discover how a problem works and to indicate possible solutions in the long-term prognosis. The aim of this case report is to show the importance of an operative diagnosis, based also on integration of environmental and familial situation, to reach a better therapeutic effectiveness and recovery.  continua →


La Supervisione strategica nei contesti clinici

Da alcuni anni in Liguria, in via sperimentale, ho allargato la Supervisione, oltre agli Specialisti in Psicoterapia Breve Strategica ed agli Allievi della Scuola di Arezzo, anche ad altri professionisti sanitari: medici, pediatri, psichiatri, psicologi di altri indirizzi, infermieri; ovviamente con l’unica clausola di aderire ad un concetto di supervisione e formazione secondo il modello strategico. Ne è nato un lavoro di gruppo molto interessante, che si è anche rivelato un ottimo contesto di ricerca. Nel tempo si sono alternati nel gruppo Medici di Medicina Generale, parte dell’equipe del Sert della Asl 3 genovese, docenti della Facoltà di Medicina…  continua →


Alimentazione – La dieta paradossale

Per quanto riguarda la terapia dei disturbi alimentari, in terapia breve strategica evoluta, la dieta ritenuta migliore è quella che definiamo “Dieta Paradossale”. Consiste nel prescrivere al paziente di selezionare i cibi da lui ritenuti più buoni e di mangiare solo quelli con l’unica limitazione di assumerli solamente tra volte al giorno a colazione, pranzo e cena: i tradizionali 3 pasti canonici. Questo perché è sotto gli occhi di tutti che le diete restrittive fanno ingrassare…  continua →


Disturbi specifici dell’apprendimento

Non lavoro quasi mai sui disturbi dell’apprendimento direttamente o nelle istituzioni scolastiche. Ma nel lavoro di studio spesso vengo interpellato da genitori che, su indicazione degli insegnanti, chiedono interventi sui figli per migliorare o superare difficoltà scolastiche. Uno degli argomenti su cui vengo sempre più spesso interpellato è la dislessia. Diagnosi che, per altro, è sempre più frequente. Storicamente è nata negli Stati Uniti quando nelle scuole alla popolazione studentesca di origine irlandese si era  aggiunto…  continua →


Progetto per una psichiatria dal volto umano

Ho assunto da circa un anno la direzione sanitaria di alcune Comunità Psichiatriche. Inizialmente l’ho fatto per simpatia verso i gestori, persone alcune con le quali collaboro da anni. Avevo qualche riserva sul piano professionale, in quanto le strutture sono istituzioni psichiatriche e pertanto distanti da quella che è la mentalità di noi strategici. Infatti, si tratta di ricoveri anche di lunga durata in comunità, che per quanto aperte e propedeutiche ad una vita autonoma, risultano estranee ai contesti di vita delle persone. Gli utenti sono pazienti dei servizi pubblici, con storie…  continua →


Mutismo selettivo

Uno dei momenti più critici dello sviluppo evolutivo di un bambino è il passaggio dalla famiglia alla scuola materna ed alla scuola elementare. E’ un passaggio critico perché si passa da ambienti molto protetti in cui non viene chiesta alcuna prestazione: il bambino vale per quello che è al di là di quello che fa; ad un contesto in cui si comincia ad essere valutati anche per quello che si fa. Nonostante tutti i tentativi di allentare la tensione sul rendimento nella scuola materna ed elementare, nella percezione di tutti…  continua →